advertisement

Cappotto cammello, come indossarlo e abbinarlo

camel coat
advertisement

Tra i must have di una donna non può di certo mancare il cappotto cammello o camel coat, l’intramontabile capo d’abbigliamento che negli anni ha conquistato generazioni, varianti e tonalità. La colorazione beige non è infatti identificabile in un’unica cromìa ma prevede una palette ampia e ben assortita a cui attingere per il proprio personalissimo cappotto.

La stilista Anne Marie Beretta propose il primo cappotto cammello nel 1981 con manica a kimono e chiusura a doppio petto. Il taglio over è una delle caratteristiche essenziali che ha accompagnato anche le produzioni successive dei camel coat.

L’icona è oggi su tutte le passerelle, sulle donne di tutte le età e rappresenta ancora un intramontabile a cui è impossibile rinunciare perché versatile per ogni tipo di outfit.

Come abbinare il cappotto cammello

Ogni anno moltissimi capi di abbigliamento vengono riposti perché passati di moda. Questa legge universale si contrappone però a quegli elementi che rappresentano i must have intramontabili, tra questi: il cappotto cammello. La versatilità del capo gli concede un lusso che in pochi hanno e cioè quello di inserirsi perfettamente negli outfit più disparati, siano essi casual o eleganti, da giorno o sera.

Il camel coat rappresenta un valore aggiunto, un dettaglio prezioso capace di migliorare qualunque abbinamento. Questo può essere indossato con il denim. Due realtà così versatili infatti permettono di completare un total look perfettamente abbinato. I jeans rappresentano un capo versatile presente in ogni armadio e abbinarlo al cappotto cappello rende l’insieme, soprattutto se con aggiunta di preziosi accessori, un look ineccepibile.

Un altro modo per abbinare il cappotto, non osare troppo e puntare invece alla raffinatezza è il sodalizio tra camel coat e colori neutri. Poter abbinare tonalità chiare come il cipria, il beige e tutti quei colori neutri, compreso il bianco, rendono l’outfit impeccabile.

Attenzione però a non eccedere con le diverse sfumature. Se è vero che i colori neutri camminano a braccetto, è anche vero che è considerato errore abbinare 6 diverse tonalità in un unico outfit. Negli outtfit intramontabili, quelli che vanno indossati quando non si ha voglia di scegliere e sperimentare bisogna annoverare il total black. Con i capi neri il cappotto cammello scongiura l’effetto troppo cupo e illumina il tutto.

Ultimo ma non meno importante non va dimenticato l’accostamento en pendant. Utilizzare il tono su tono rende l’outfit classico ed elegante e poter aggiungere intensità all’abbinamento permette di creare completi vincenti. Anche in questo caso è necessario prestare alle tonalità, il cappotto cammello è versatile e non ha una sola tonalità universale, prima di osare il tono su tono è consigliato provare gli abbinamento alla luce naturale.

Un interrogativo che adesso sorge spontaneo è: se volessi osare con del colore? Bene, il cappotto non preclude questa possibilità, purché sia una scelta ben ponderata. Tra i colori da poter abbinare al camel coat svettano in classifica il fucsia, il rosso e il bordeaux.

Quali scarpe indossare con il cappotto cammello

Quando un capo è versatile è possibile che l’errore di stile sia dietro l’angolo. Utilizzare un camel coat e avere di fronte a sé un ventaglio di proposte outfit così ampio può creare confusione di stile.

Per non cedere agli orrori ecco alcuni utili consigli sulle scarpe da indossare quando si ha un cappotto cammello. Innanzitutto è importante sapere che il soprabito può coprire un tailleur, un vestito, o i jeans e una shirt. Quindi è importante distinguere gli stili e comprendere l’anima da voler affiancare al proprio personalissimo outfit. Con capi sportivi non è da dimenticare lo stile athleisure, lo sporty-chic da città. Il cappotto può infatti concludersi con un paio di scarpe sportive che possano smorzare il tono raffinato e renderlo immediatamente quotidiano.

Con i vestiti è invece molto audace indossare uno stivale alto fin sopra al ginocchio, la scelta di questa calzata rende immediatamente il completo meno bon ton e molto più aggressive. Per le inguaribili romantiche, la raffinatezza del cappotto cammello ha tra le scelte la sola e unica decolletè, magari a concludere un completo con pantalone palazzo o a sigaretta,

A chi sta bene il cappotto cammello

Il cappotto cammello è un evergreen adatto a tutte le occasioni ma anche a tutte le donne di tutte le età. Decretare una sua indossabilità esclusiva è impossibile. Le aperture, le chiusure in vita, i modelli oversize, più che un soprabito è la sicurezza e la certezza di ogni outfit.

Scegliere un camel coat va bene a tutte le età, purché si scelga un modello adatto alla propria fisicità e che abbia come obiettivo finale la volontà di impreziosire il corpo, nascondendo i punti deboli e sottolineando quelli di forza.

I vari modelli di camel coat

In pelo, lunghi, corti, col cinturino o il doppio petto. Elencare i modelli di camel coat esistenti è abbastanza faticolo. Il capo originale venne proposto con manica a kimono e chiusura a doppio petto ma negli anni questo intramontabile capospalla ha dato vita a numerose varianti. Un primo modello è quello costituito dal cappotto cammello in stile blazer, monopetto e con chiusura a maxi bottoni.

Questo modello è un intramontabile a cui affidarsi se si è indecisi sul capospalla color cammello da acquistare. Per le più decise è invece molto gettonato il cappotto cammello doppiopetto e a collo alto.

Raffinato ed elegante, questo modello è capace di tutelare tutti gli errori di stile e può essere considerato un fedele alleato dello stile atlheisure. Lasciando da parte i bottoni e le chiusure è possibile individuare modelli con cintura, questo modello rappresenta il punto più alto nella scala dei camel coat, meno versatile ma di grande impatto visivo. La vestaglia o kimono cammello celebra ogni outfit rendendolo ineccepibile.

Tra le audaci proposte moderne che hanno dato nuova vita al camel coat, troviamo anche il teddy coat, si tratta di un capospalla in pelo che aiuta dei rigidi inverni a mantenere un outfit posato e ricercato. Ai modelli si addiziona un’altra variabile che non va sottovalutata: la lunghezza. Il cappotto dovrà essere acquistato tenendo conto della propria figura, dell’altezza di cui si è dotati e dell’eventuale calzata da abbinare. Insomma, il camel coat si presta per tutte le donne, i gusti e le età.

Lascia un Commento

WordPress Lightbox Plugin